Ufficio Stampa | Critica

Giallo vincitore del Premio Microeditoria di Qualità 2014

Una giovane donna brutalmente torturata e uccisa, una catena di omicidi tutti uguali che affiora dal passato e una villa liberty abbandonata sulle colline di Torino. Sulla strada di Andrea Castelli, lo strano commissario innamorato di una transessuale brasiliana e affetto da sindrome bipolare, ci sono una misteriosa banda di fascisti e una scia di sangue lunga più di mezzo secolo. Quali segreti nasconde Villa Triste? La risposta, come sempre, andrà cercata in fondo al cuore degli uomini.

LA SECONDA INDAGINE DI ANDREA CASTELLI, GRATIS SU AMAZON FINO AL 23 MARZO.

Marmellata di rose è vincitore del Premio Microeditoria di Qualità 2014, pubblicato anche in Spagna per SD Edicions.

“Il libro più diffuso nel passato, dopo le Sacre Scritture, è stato il Malleus Maleficarum, lo sapevi? È il testo cardine dell’inquisizione romana, il più approfondito trattato sulla tortura. E la gente, il popolo, adorava questo testo. Perché, vedi, commissario, la tortura è un’arte che vanta un vastissimo pubblico e pochissimi maestri dotati di talento. E questi pochi eletti vengono sollevati agli onori del mondo, superiori ai propri simili, parenti più prossimi di Dio.”

***

Continuiamo a conoscerlo, l’autore che tra poco avremo in libreria con la sua nuova indagine, questa volta sugli scaffali PIEMME.

Fabio Girelli nasce a Biella nel 1980, è laureato in lettere moderne con dottorato in geografia linguistica. Successivamente insegna italiano a Bogotá e contribuisce a fondare Torinoir .
Nei prossimi giorni racconteremo altro delle sue avventure letterarie.

Share this Story

Related Posts

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Presentazione in libreria | Vita di Miranda

Sabato, 2 dicembre 2017, ore 18:00. L’autrice presenta ...

Video

News in Pictures